lavoro

Gli attrezzi utilizzati dal fabbro, quali sono?

Il fabbro è sempre stata una figura di rilievo. Egli esercitava spesso anche il mestiere di maniscalco, provvedendo alla ferratura dei cavalli, asini, buoi e mucche, e lavorava a stretto contatto con il carraio per la preparazione della parte in ferro di carri e botti. A praticare il mestiere del fabbro sesto san giovanni, che molto spesso si tramandava da padre in figlio, erano esclusivamente i maschi, dato che il lavoro da svolgere era particolarmente faticoso e richiedeva il possesso di muscoli ben sviluppati e di una forza non comune.

Tra i diversi attrezzi che adoperava un fabbro troviamo: la fucina (forgia) ovvero il banco sul quale veniva forgiato il ferro, grazie alla carbone e ad una ventola, il ferro raggiungeva temperature elevate che garantivano un’ottima lavorazione. Successivamente,con l’aiuto di una ventola predisposta sotto il banco,si velocizzava il processo di surriscaldamento che permetteva una rapida fucinatura del ferro. Tra gli attrezzi di dimensioni limitate non bisogna tralasciare il martello.

Il martello è un massello di acciaio temprato, forato nella zona centrale per l’inserimento del manico per l’impugnatura dell’attrezzo. Questo attrezzo manuale consente un vantaggioso sfruttamento dell’energia cinetica; l’aumento del peso comporta però maggior fatica per l’operatore, un fatto non trascurabile se si tiene conto del numero di ore lavorative nelle fucine (più di 12 ore al giorno). L’incudine è un oggetto simbolo insieme con il martello dell’attività del fabbro, in ghisa o acciaio (meglio).

Più è grossa, meglio è. Le due protuberanze laterali appuntite, una piana ed una arrotondata, sono chiamate corni e servono per lavorazioni particolari. Sulla superficie superiore alla base dei corni vi sono due fori, uno quadro ed uno tondo, si usano per fissare alcuni accessori, ad es. il tagliolo, si possono usare anche per lavorazioni, ad es. piegature. Il maglio è invece lo strumento grazie al quale si opera la prima e più rudimentale lavorazione del ferro appena forgiato.