arredamento

Una poltrona vintage per arredare casa

Donare un proprio carattere alla nostra abitazione non è sempre facile, ma con i dovuti accorgimenti potrebbe non esser poi così difficile.

Uno dei odi più diffusi per conferire carattere ai locali delle nostre abitazioni può esser l’inserimento di elementi di arredo che si rifacciano al vintage.

Sul mercato è facile rinvenire mobili, tavoli sedie o altro utili al nostro scopo.

Personalmente credo che un elemento molto versatile possa esser la poltrona, in quanto potrà facilmente esser inserita,, sia nella zona living che nella zona notte.

Le poltrone vintage danno quel tocco di eleganza e particolarità agli ambienti ove questa sarà collocata.

Le poltrone vintage ci fanno fare un tuffo nel passato,  ricordi che tendono a perdersi con la crescita, ambienti familiari come la casa dei nonni, una miscellanea di sentimenti che rievocano antichi odori e sapori. Le poltrone vintage, oltre alla comodità ,riescono a donare ai loro possessori il piacere di cose perdute.La stessa parola vintage trae origine dal francese age du vin per indicare i vini delle annate migliori e anche la mobilia vintage, come nel parallelo con i vini, acquista importanza col passare degli anni.

Per diventare vintage i mobili e le poltrone, devono avere un design accattivante già dalla loro nascita.

Oggigiorno diversi designer si sono rifatti alle linee del passato per ricreare arredamenti dal sapore “antico” che utilizzano materiali tecnologicamente avanzati. A gusto dello scrivente l’inserimento di elementi vintage, come ad esempio le poltrone, in contesti moderni quali la camera da letto, possono creare un contrasto e donare una vivacità all’ambiente, insomma, un carattere unico nel suo genere. Come per tutto quel che è vintage, la parola d’ordine, anche in tema di poltrone o sofà, sarà colore e morbidezza delle forme. Questi elementi andranno in contrasto con l’austerità e le geometrie proprie dell’epoca moderna e ci ricondurranno, come detto, a cenni della nostra infanzia.